FI attacca Morra: "Comportamento inaudito"

santelli-occhiuto.jpg

Roma - "Una vicenda che lascia inorriditi": così la vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia Jole Santelli e i parlamentari di FI Roberto Occhiuto e Giorgio Mulè hanno descritto, in una conferenza stampa, il comportamento del senatore M5S Nicola Morra. I tre raccontano di aver rintracciato documenti, tra cui un verbale della Gdf, nei quali si dice che Morra il 20 febbraio 2018 (allora non era presidente della Commissione antimafia) si è recato alla Gdf alle 22 per depositare un dvd in cui c'è una intercettazione ambientale avvenuta a casa sua. Cinque giorni prima, infatti, aveva aveva invitato un indagato, Giuseppe Cirò, ex capo segreteria del sindaco di Cosenza, Mario Occhiuto, denunciato da quest'ultimo dopo aver scoperto una serie di illeciti rimborsi ai danni dell'amministrazione comunale. "Lo ha trasformato in delatore", hanno commentato i tre esponenti di FI. "Il maresciallo a cui ha consegnato il dvd e il pm che ne ha disposto la trascrizione sono diventati consulenti dell'Antimafia".

"Il giorno dopo la consegna del dvd da parte di Morra, il procuratore aggiunto di Cosenza Marisa Manzini secondo i tre esponenti di Forza Italia, ne ha disposto la trascrizione del contenuto. Anche Manzini - hanno denunciato Santelli, Mulè e Roberto Occhiuto - è stata chiamata quale consulente della Commissione parlamentare antimafia, dopo essersi visti assegnati, negli ultimi tempi, tutti i procedimenti che riguardano il Comune di Cosenza e quasi tutti gli esposti presentati dal senatore Morra"

"Secondo noi i tre hanno prima organizzato una imboscata a un indagato trasformandolo in delatore e poi hanno fatto in modo che l'indagine fosse assegnata a quel pm. Sono soggetti indegni di rappresentare lo Stato con la voce dell'antimafia e della magistratura e soprattutto in una terra difficile come la Calabria", hanno accusato i tre forzisti. "Non ci fermeremo a questa denuncia: chiederemo al Csm di attivare la procedura disciplinare verso la dottoressa Manzini. Faremo anche una denuncia alla procura per vedere se sia configurabile il reato di traffico di influenze illecite o altri reati; è singolare che un maresciallo e un procuratore siano agli ordini di Morra e poi abbiamo un distacco in antimafia. Si sono organizzati per creare una struttura inquirente parallela a quella dello Stato", hanno detto Santelli, Mulè e Roberto Occhiuto. "E' stato fatto un uso quasi criminogeno dei fatti giudiziari", ha osservato Mulè. Per Santelli, "a noi non ci interessa rimestare nel torbido, ma ci interessa il rispetto delle istituzioni: in questa vicenda non c'è alcun rispetto. Nessun presidente dell'antimafia ha mai fatto questo, rimpiango i presidenti del passato".