Attentato al mercatino di Strasburgo, ferito giornalista di origini calabresi: "Grave e non operabile"

strasburgo-attentato-ferito-calabrese-121218.jpg

Strasburgo - C’è un italiano, originario di Reggio Calabria tra i feriti dell’attentato avvenuto ieri sera nei pressi dei mercatini di Natale a Strasburgo. Risulta essere in gravi condizioni infatti Antonio Megalizzi, giovane giornalista radiofonico. Secondo quanto riferito dal padre della fidanzata a Radio Capital, il ragazzo sarebbe in coma farmacologico e non operabile. "Era felicissimo del viaggio - racconta - sogna di diventare giornalista professionista, ama la politica". 

La capitale europea del Natale piomba nel terrore in una sera di dicembre, quando le luminarie delle feste illuminano all'improvviso una scena di guerra: spari in mezzo alla folla, morti, feriti accasciati nelle strade, persone che fuggono urlando. Sul bilancio delle vittime ancora incertezze, ma secondo le ultime informazioni ci sarebbero almeno tre morti e 13 feriti, tra cui, appunto, il giovane di origini calabresi. Secondo quanto si apprende da Repubblica, il ragazzo “è di Rovereto e vive a Trento, dove la sua famiglia, originaria di Reggio Calabria, si è trasferita nel 1990. Megalizzi collabora da anni con vari media trentini. La passione per la radio è probabilmente un'eredità di famiglia, infatti i genitori di Antonio hanno una radio locale". Pare che il ragazzo, insieme a due colleghe, con cui aveva partecipato a un forum di giornalisti, si stava recando al mercatino quando è stato raggiunto da un proiettile al cranio.

L’identificazione del killer

Il killer, identificato, era finito già in carcere in passato per aggressione. In seguito era stato segnalato come elemento 'radicalizzato' e come minaccia per la sicurezza nazionale. Si chiama Cherif C., 29 anni, di origini nordafricane ma nato a Strasburgo. Per prenderlo la polizia ha messo in piedi una caccia all'uomo imponente. Blindato il centro storico dove nessuno è stato fatto più entrare, solo uscire. Pattugliate palmo a palmo le strade deserte, anche con un elicottero. Il sindaco della città Roland Ries, ha subito parlato di un attentato terroristico e ha invitato tutti ad asserragliarsi dentro casa.

Le autorità francesi hanno trovato del materiale esplosivo nell'abitazione dell'attentatore. La scoperta è stata fatta durante una perquisizione dell'abitazione poche ore prima dell'attacco. Le forze dell'ordine, ha detto Morisse senza fornire ulteriori dettagli, erano andate nella casa per arrestare l'uomo. L'uomo è riuscito comunque a scappare allontanandosi dal centro. Dopo qualche ora lo hanno individuato in un quartiere di periferia, Neudorf, dove in un primo momento sembrava si fosse asserragliato in un immobile. Ma il blitz della polizia è fallito e le ricerche continuano. A quanto pare l'attentatore non avrebbe agito da solo e in centro si continua a cercare anche un secondo sospetto. A Strasburgo è la settimana più affollata, quella che oltre ai turisti vede arrivare in città tutto il personale del Parlamento europeo per la plenaria mensile. Molti gli eurodeputati, anche italiani, che si sono ritrovati bloccati dentro i ristoranti e i bar. Mentre il Parlamento è stato blindato, su ordine del presidente Antonio Tajani, e tantissime persone sono rimaste chiuse nel palazzo.

antonio-megalizzi.jpgAntonio Megalizzi

© RIPRODUZIONE RISERVATA