Lamezia: associazione, traffico e spaccio di droga, chiesto rinvio a giudizio per 57 persone

tribunale-e-corte-dappello-Catanzaro-2015_copia.jpg

Lamezia Terme – Nel novembre del 2016 fa la Polizia portò a termine una sfilza di perquisizioni nei confronti di persone ritenute partecipi di un’associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti che faceva riferimento alla cosca Giampà. Dopo due anni, il pubblico ministero Elio Romano ha formulato la richiesta di rinvio a giudizio: si tratta di 57 persone, considerate gregari e affiliate alla cosca Giampà di Lamezia. L’operazione, contro l’associazione a delinquere finalizzata allo spaccio, è stata chiamata “Bianco e Nero”: coloro che sono imputati ora, dovranno comparire a maggio davanti al giudice per le udienze preliminari a Catanzaro che dovrà decidere se mandarli a processo o meno. Per quarantacinque di queste persone si tratta di reati per i quali sono recidive.

L’operazione aveva visto impegnati sia la Squadra Mobile di Catanzaro che il Commissariato di Lamezia: 48 perquisizioni, tre arresti e tre denunce era stato il bilancio dell’attività. Secondo il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro, Elio Romano, tra il 2004 e il 2012, l’organizzazione, che faceva capo agli esponenti di spicco della cosca Giampà, avrebbe avuto il controllo del narcotraffico, nell’area di Lamezia “quale epicentro del traffico della droga”, e ha evidenziato “capacità di approvvigionamento nelle province di Reggio Calabria (Area di Rosarno), Vibo Valentia (area di Maierato e Limbadi), Cosenza, Crotone e Milano e si è dimostrato attivo nella commercializzazione di quantitativi anche ingenti, di sostanza stupefacente: cocaina, eroina, marijuana e hashish anche proveniente dal Sudamerica”.

Spaccio che sarebbe stato finalizzato anche a rimpinguare le casse della cosca per acquistare armi e mezzi per i delitti, oltre che per la retribuzione periodica degli affiliati e l’acquisto di ulteriori stupefacenti in una viziosa sorta di circolo economico.

C.S.

I NOMI

  • Giuseppe Ammendola, 34 anni
  • Andrea Angotti, 36 anni
  • Vincenzo Arcieri, 57 anni
  • Salvatore Ascone, residente a Limbadi, 51 anni
  • Davide Belvedere, 27 anni
  • Danilo Cappello, detto “Kirbi”,  28 anni
  • Giuseppe Cappello, 33 anni
  • Gabriele Caruso, Platania, 49 anni
  • Roberto Castaldo, 27 anni
  • Francesco Cerra,  28 anni
  • Domenico Chirico, “u batteru”,  35 anni
  • Domenico Cracolici, Maierato, 35 anni
  • Andrea Crapella, 31 anni
  • Antonio Donato, Catanzaro, 48 anni
  • Emiliano Fozza, 38 anni
  • Alessio Gagliardi Morrison, 24 anni
  • Antonio Giampà, 45 anni
  • Davide Giampà, 28 anni
  • Domenico Giampà, 36 anni (collaboratore di giustizia)
  • Eugenio Giampà, 28 anni
  • Vincenzo Giampà, detto “Enzo”, 47 anni
  • Cristian Greco, 29 anni
  • Giovannino Greco, 34 anni
  • Sergio Ugo Greco, 59 anni
  • Vincenzo Greco, 63 anni
  • Giuseppe Grutteria, 34 anni
  • Luigi Leone, 33 anni
  • Bruno Malvaggio, Nocera Terinese, 46 anni
  • Michael Mercuri,  28 anni
  • Pasquale Mercuri, 28 anni
  • Maurizio Molinaro, 34 anni
  • Eugenio Monteleone, 42 anni
  • Aldo Notarianni, 52 anni
  • Carmine Vincenzo Notarianni, 60 anni
  • Giovanni Notarianni, 46 anni
  • Luigi Notarianni, 36 anni
  • Pasquale Notarianni, 31 anni
  • Davide Orlando, 35 anni
  • Claudio Paola, 31 anni
  • Giovanni Pujia, 49 anni
  • Francesco Renda, 33 anni
  • Giovanni Roberto, Catanzaro, 38 anni
  • Maikol Rotundo, 33 anni
  • Antonio Salatino, 51 anni
  • Domenico Sirianni, 32 anni
  • Antonio Stagno, Giussano, 49 anni
  • Gino Strangis, 48 anni
  • Claudio Taverna, 41 anni
  • Alessandro Torcasio, 34 anni
  • Giuseppe Tropea, 37 anni
  • Franco Trovato, 41 anni
  • Antonio Ventura, 33 anni
  • Alessandro Villella, 31 anni
  • Antonio Voci, 51 anni
  • Eric Voci, 27 anni
  • Erjon Vuka, Prato allo Stelvio, 33 anni
  • Saverio Giampà, 31 anni

© RIPRODUZIONE RISERVATA