Programmazione, il binario è giusto

Scritto da  Pubblicato in Filippo Veltri
Vota questo articolo
(1 Vota)

filippo_veltri-11102017-084907.jpgDopo due anni di programmazione possiamo dire di essere sul binario giusto: dice così il Presidente della Regione, Mario Oliverio, sulla questione principale legata allo sviluppo della Calabria.

Oggi – spiega - siamo arrivati ad attivare procedure per 1.200.606.756,92 euro , ovvero il 50% della dotazione complessiva. Un risultato che costituisce un effettivo segnale di discontinuità e contribuisce all’affermarsi di un’altra idea di Calabria, quella che persegue i suoi obiettivi senza disperdere energie e risorse in una molteplicità di progetti ma ragionando per politiche, concentrando cioè l'azione amministrativa su temi davvero rilevanti per il suo futuro. Primo tra tutti, il sostegno alle imprese attraverso bandi dedicati all'innovazione produttiva, alla ricerca e all'avanzamento tecnologico, per i quali abbiamo già stanziato 80 mln di euro. In questo modo si rilancia concretamente il sistema produttivo regionale e lo si mette nelle condizioni di competere sul mercato nazionale ed europeo.

In secondo luogo, il rafforzamento del welfare regionale ridando alla scuola la sua funzione di "ascensore sociale", favorendo l'inserimento nel mondo del lavoro dei giovani e delle fasce più deboli, rafforzando le politiche di genere e la lotta alla povertà. Terzo obiettivo, dare attuazione all’Agenda Digitale, che è una straordinaria occasione di riscatto economico e crescita sociale, una sfida che vede la Calabria in prima fila come territorio più connesso d'Italia e che ora deve affrontare lo step successivo qualificando l'offerta di servizi pubblici rivolti ai cittadini e alle imprese.

Quarto, difesa dell’ambiente e valorizzazione del territorio, attraverso interventi di riduzione e gestione intelligente del consumo pubblico di energia, l'efficientamento del sistema di raccolta differenziata nei grandi centri e nei piccoli comuni e la tutela degli habitat naturali terrestri e marini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA