Funerali vittime alluvione: lutto cittadino a Lamezia, Gizzeria, Falerna, Curinga e San Pietro a Maida

camera-ardente-111018.jpg

Gizzeria - Giornata di riflessione e di preghiera, venerdì 12 ottobre, quando si terranno i funerali della giovane mamma, Stefania Signore, e del suo piccolo Christian Frijia che hanno perso la vita nell’alluvione tra la notte di giovedì 4 e venerdì 5 ottobre. Le comunità dei paesi che hanno pianto la tragica scomparsa della giovane mamma e dei suoi figli, (sono ancora senza esito le ricerche del piccolo Nicolò scomparso da quella sera) si stringeranno in segno di rispetto, vicinanza e solidarietà alla famiglia. I comuni di Lamezia, Curinga, San Pietro a Maida, Gizzeria e Falerna hanno, infatti, già indetto la proclamazione di lutto cittadino per la giornata di venerdì. Ad una settimana dalla tragedia, il 12 ottobre si terranno quindi le esequie, alle 15:30, nella chiesa di Santa Caterina a Gizzeria in contrada Mortilla. Intanto, le salme sono arrivate giovedì mattina nella casa funeraria "Rocca" da dove poi muoveranno verso Gizzeria per l’ultimo saluto circondate dall’affetto dei cari e di tutte le persone che, in questi giorni, hanno manifestato affetto e vicinanza per una tragedia che ha lasciato attonita l’Italia intera.

Proclamazione di lutto cittadino

“La proclamazione del lutto cittadino – si legge nell’ordinanza del comune di Lamezia -  è un modo per rendere visibile il dolore e la vicinanza della Città di Lamezia Terme a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia ed innanzitutto ai familiari delle vittime, quale semplice gesto simbolico che va ad aggiungersi alla grande e fattiva catena di solidarietà che, fin dalle prime ore dell'emergenza, si è creata in tutta la città stessa nei confronti di chi  è stato coinvolto nella drammatica alluvione”. Venerdì è prevista l’esposizione delle bandiere a mezz'asta anche negli edifici comunali di Lamezia Terme e un minuto di silenzio negli uffici comunali alle 15:30. Dal Comune, inoltre, si invitano “tutti i cittadini, le Istituzioni pubbliche, le organizzazioni sociali, culturali e produttive ed i titolari di attività private di ogni genere a manifestare il proprio cordoglio nelle forme ritenute opportune e mediante la sospensione delle attività, con esclusione dei servizi indispensabili ed obbligatori, durante il corso della cerimonia funebre, dalle ore 15:30 alle ore 16:30 circa”.

Nell’ordinanza emanata si legge: “Intendendo manifestare in modo tangibile lo sconforto per questa tragedia che ha lasciato attonita la comunità Gizzerota” si invita alla “esposizione del Gonfalone listato a lutto; L’esposizione della bandiera italiana a mezz’asta sul Comune e sulle scuole e sugli edifici pubblici; Si invitano: gli uffici pubblici ad osservare un minuto di raccoglimento alle ore 12:00 di venerdì. Il Dirigente scolastico e i docenti, nel rispetto della loro autonomia, ad osservare un minuto di raccoglimento nelle aule durante la giornata di venerdì 12 Ottobre 2018 e a promuovere momenti di riflessione degli studenti sul tema della sicurezza; Tutte le attività commerciali e i cantieri aperti ad esprimere la loro partecipazione mediante la sospensione delle attività durante le esequie”. Così come anche a Curinga e San Pietro a Maida. A Gizzeria, inoltre, è stata anticipata anche la chiusura delle scuole alle 13.25.

Anche Falerna dove la giovane Stefania é vissuta, si stringe al dolore e al cordoglio rivolto ai familiari ed in particolare al marito Angelo, per la dolorosa scomparsa della giovane moglie e del piccolo Christian. 

camera-ardente-2-111018.jpg

© RIPRODUZIONE RISERVATA