Lamezia, cardinale Bassetti ai giovani calabresi: “Non perdete la speranza e siate protagonisti”

bassetti-lamezia-200918-1.jpg

Lamezia Terme – “Voglio dire ai calabresi di non avere paura e di non perdere mai la speranza”. A dirlo, il presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Gualtiero Bassetti, intervenendo a Lamezia nell’ambito del Festival della dottrina sociale della Chiesa, per la prima volta in una città del Sud in preparazione al Festival di Verona a novembre e a margine dell’inaugurazione di una scuola di formazione professionale. Bassetti ha così inviato un messaggio anche ai giovani calabresi e del Sud costretti a lasciare la loro terra: “Soprattutto, come dice il Papa, sono qui per dire ai calabresi di non farsi rubare da nessuno la speranza, che è una virtù che è innata perché ce la dà Dio - spiega - forse tutti, in Italia, abbiamo bisogno di essere più protagonisti nella nostra vita e di non subire solo passivamente ciò che succede attorno stando sul terrazzo di casa. Questo il momento in cui tutti, per un motivo o un altro, dobbiamo rimboccarci le maniche ed essere vivi, perché non ne va di mezzo solo la nostra vita ma stiamo costruendo, soprattutto con i nostri giovani, l'avvenire. Dobbiamo sentirci protagonisti”.

bassetti-lamezia-200918-3.jpg

“Chi governa deve preoccuparsi del lavoro”

“Il lavoro è pane: chi governa deve preoccuparsi di questo pane quotidiano". Ha poi aggiunto il cardinale che ha precisato: “Apprezziamo tutto quello che di positivo si fa per aiutare le famiglie, perché sia incentivato il lavoro. Le politiche si stanno orientando in questo senso, ma bisognerà che si orientino ancora maggiormente perché questo del lavoro è il problema dei problemi. Il lavoro non è qualcosa di accessorio nella vita: La Pira diceva che il lavoro e il pane e senza pane non vivi. Allora, si può fare l'equazione diretta: il lavoro è pane. Chi governa deve preoccuparsi di questo pane quotidiano, che il buon Dio offre per tutti, ma vuole che noi uomini siamo suoi collaboratori in questa apertura alla provvidenza”. “Occorre – ha proseguito il presidente della Conferenza episcopale italiana - mettere in moto processi che possono sfociare in un lavoro stabile, per tutti. Bisogna mettere tutta la fantasia perché - ha aggiunto - si possa incentivare il lavoro, dalle piccole cose alle più grandi. A esempio nella mia Diocesi di Perugia abbiamo adottato quel progetto della Cei di un finanziamento iniziale dall'8xmille per creare posti di lavoro per i ragazzi: abbiamo fatto 25 borse di studio, ho premiato gli imprenditori che li hanno accolti, e per molti di loro ci suono anche buone speranze di continuare con contatti più stabili. Tutti hanno diritto al lavoro, non solo al lavoro provvisorio, perché il lavoro provvisorio crea angosce e il ragazzo non può pensare al proprio futuro. Ecco, occorre incentivare il più possibile, mettere in moto processi che - ha concluso Bassetti - possono sfociare in un lavoro stabile, per tutti”.

“E' una benedizione il fatto che nelle Diocesi e nelle congregazioni religiose si costituiscano scuole di formazione professionale, che sono un segno e quasi una profezia". Con queste parole il cardinale Gualtiero Bassetti, ha poi inaugurato la scuola di formazione professionale: la struttura, allestita presso un immobile storico della Diocesi lametina, la Fondazione monsignor Maiolo-Pia Unione San Tarcisio. attiverà percorsi formativi, per imprese e giovani, che saranno realizzati con la collaborazione del consorzio Elis di Roma. "L'80% dei ragazzi che frequentano le scuole professionali - ha poi osservato il presidente della Cei, accompagnato, tra gli altri, dal vescovo di Lamezia Terme, Luigi Antonio Cantafora - hanno una possibilità di un impiego. Oggi il problema è che ogni mestiere è diventato professionale e quindi esige e richiede una grossa preparazione, e le nostre scuole in generale non hanno tanto questa attitudine. Quindi, non solo non c'è lavoro ma mancano anche le persone addestrate al lavoro. Allora - ha aggiunto il cardinale Bassetti – è una benedizione il fatto che nelle Diocesi e nelle congregazioni religiose si costituiscano queste scuole, che sono un segno e quasi una profezia". L'inaugurazione della scuola di formazione professionale è stato il primo appuntamento pubblico della giornata per il presidente della Conferenza episcopale italiana, Bassetti, che nel pomeriggio a Lamezia Terme, nell'ambito del Festival della dottrina sociale della Chiesa, visiterà gli stand espositivi di diverse aziende locali su corso Numistrano e alle 16.30 in Cattedrale terrà la prolusione sui temi dell'ottava edizione del festival.

bassetti-lamezia-200918-2.jpg

© RIPRODUZIONE RISERVATA