Acqua, miracolo a Reggio Calabria

Scritto da  Pubblicato in Filippo Veltri

filippo_veltri_547a9_42980_40e16_e0ae2_64b36_36f3e_af537.jpg

  Domenica 28 è stato un giorno speciale per la città di Reggio Calabria. Dopo tantissimi anni la diga sul torrente Menta ha portato infatti l’acqua fino alle case dei reggini. Una svolta storica e senza precedenti. Per questo una giornata di festa per tutta la città. ‘’Dopo un’attesa trentennale, il progetto della diga del Menta – dice il presidente Mario Oliverio - è stato completato e finalmente l’acqua della diga, potabilizzata, arriva nelle case. Si tratta di un evento storico per la città di Reggio e per tutta la Calabria. La principale città della nostra regione, per decenni ha sofferto la sete per mancanza di fonti idriche di qualità e quantità adeguate. Abbiamo ora messo fine a tutto questo».

«Questo risultato – dice ancora il presidente Oliverio – quattro anni fa non era per nulla scontato. Negli anni, come è noto, tanti annunci sono stati fatti, tante promesse disattese. Il pressapochismo e interessi poco chiari hanno contraddistinto chi ha avuto responsabilità politiche e istituzionali. Fin dai primi giorni del 2015 il mio impegno per il completamento dell’opera è stato massimo. Dando seguito agli impegni presi in campagna elettorale, non appena mi sono insediato alla guida della Regione, ho prima effettuato un sopralluogo sui cantieri che, inspiegabilmente, era ferma dal 2010. Chi mi ha preceduto, a seguito della crisi finanziaria che ha interessato Sorical, non ha inteso proseguire i lavori e, abbandonando di fatto i cantieri, ha permesso a sconosciuti di vandalizzare opere idrauliche ed elettriche al servizio della diga, arrecando danni alla collettività per svariati milioni di euro». Un motivo di orgoglio, giustamente, per la Regione e per il Presidente che insiste su quella promessa fatta con i cittadini di Reggio. «L'impegno assunto al momento del mio insediamento alla Presidenza della Regione Calabria per fare arrivare l’acqua del Menta nelle case delle cittadine e dei cittadini di Reggio Calabria è stato portato a compimento. Sembrava un opera ardua e quasi impossibile: finalmente, invece, i cittadini di Reggio potranno bere acqua sana e priva di residui salini. Saranno chiusi i pozzi salmastri e sarà disattivato il dissalatore. Finora le famiglie e le imprese hanno usufruito di acqua salmastra o di scarsa qualità, sopportando, oltretutto, costi assai gravosi e disagi nell’erogazione. La realizzazione del sistema idrico del Menta si trascinava da decenni ed era, ormai, ritenuta un'opera irrealizzabile».

© RIPRODUZIONE RISERVATA