Restituiti al pubblico uso oltre 700 metri quadrati di spiaggia nel vibonese, denunciati 5 imprenditori

guardia-costiera.jpg

Vibo Valentia - Personale della Capitaneria di porto di Vibo Valentia Marina, in località Baia di Riaci e S. Maria del Comune di Ricadi, ha eseguito diversi accertamenti sulle strutture balneari presenti sul territorio, riscontrando, in alcuni casi, occupazione di spiaggia in eccedenza a quella autorizzata o in assenza di concessione. Sono stati denunciati cinque imprenditori, rimosse e sottoposte a sequestro le attrezzature balneari mobili utilizzate. La spiaggia, quantificata complessivamente in oltre 700 metri quadrati, è tra quelle maggiormente frequentate ed apprezzate dai turisti, e fa parte della rinomata “Costa degli Dei”. La stessa è stata liberata dall’occupazione senza titolo e restituita, nell’immediatezza, al pubblico utilizzo. L’attività condotta dalla Guardia Costiera di Vibo Valentia segue ad altri interventi operati nei giorni precedenti, anche nel territorio del Comune di Ricadi, che avevano comportato il sequestro di ulteriori strutture e rientra nella cornice più ampia dell’operazione nazionale Mare Sicuro organizzata dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Guardia Costiera e coordinata, a livello regionale, dalla Direzione Marittima di Reggio Calabria al fine di garantire una stagione tranquilla a bagnanti e diportisti ed assicurare la libera fruizione degli arenili da parte dei cittadini.

spiaggia-sequestri.jpg