Scoperto furto aggravato di acqua potabile a Rosarno, denunce

furto-acqua-20191.jpg

Reggio Calabria - Scoperto un furto aggravato di acqua potabile. A Rosarno, a conclusione di un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori e della dispersione idrica, i militari della locale Tenenza Carabinieri e della Stazione di Feroleto della Chiesa, assieme a personale della polizia locale di Rosarno e della polizia metropolitana di Reggio Calabria, hanno arrestato un 41enne rosarnese, già noto alle forze di polizia, e deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Palmi ulteriori 12 persone accusate di furto aggravato di acqua potabile.

In particolare, nel corso di una serie di controlli avviati dall’Arma dei Carabinieri, congiuntamente alla polizia locale ed alla polizia metropolitana, a seguito delle numerose segnalazioni di dispersione idrica effettuate dal Comune di Rosarno, è stato accertato che gli odierni deferiti, molti dei quali titolari di aziende agricole ricadenti nel territorio della municipalità rosarnese, avevano realizzato degli allacci abusivi alla rete idrica comunale sia allo scopo di alimentare  le loro abitazioni private, sia  per prelevare, senza pagarli, ingenti quantitativi di acqua per l’irrigazione di coltivazioni agricole.

 In alcuni casi, i militari dell’Arma ed il personale della polizia locale e di quella metropolitana di Reggio Calabria, al fine di individuare le eventuali condotte illecite sono stati costretti ad effettuare degli interventi con l’uso di escavatori che hanno permesso di  individuare dei punti di allaccio alla rete idrica comunale talvolta sino a 2 metri di profondità.