Riunione a Catanzaro su bufera procure: "Importante é discutere"

toga-giudice.jpgCatanzaro - "Siamo qui per interrogarci, dopo quanto é accaduto ed anche in seguito dell'invito rivoltoci dal Comitato direttivo centrale dell'Associazione nazionale magistrati, sui rapporti e sui limiti del nostro sistema di autogoverno. Evitando, ovviamente, di dare giudizi personali sui colleghi coinvolti perché questo non ci interessa". Lo ha detto il tesoriere della sezione distrettuale di Catanzaro dell'Associazione nazionale magistrati, Domenico Guarascio, in relazione alla riunione dei magistrati del Distretto di Catanzaro che si é tenuta nel palazzo di giustizia del capoluogo calabrese. "È una riflessione - ha aggiunto Guarascio - a cuore aperto. Voteremo delle mozioni che speriamo siano largamente condivise. L'importante in questo momento è discutere, interrogarci". Riunioni come quella svoltasi a Catanzaro si sono tenute in tutta Italia nelle ultime ore dopo l'inchiesta avviata dalla Procura di Perugia su presunti accordi sottobanco nella nomina dei capi di alcuni uffici giudiziari.