UILPa Polizia Penitenziaria: “Difficoltà per lavoratori ad andare in ferie, si spera in arrivo nuovi agenti”

aggressione-carcere_ca5be_a8ccd_e69e7.jpg

Catanzaro - La UILPa Polizia Penitenziaria, in una nota, a firma del segretario regionale Paradiso Salvatore, interviene in merito alla difficoltà di poter andare in ferie negli Istituti Penitenziari. “Nonostante circolino con insistenza i proclami da parte di esponenti politici del Governo, M5S e Lega, sull’incremento di uomini del Corpo della Polizia Penitenziaria in Calabria - si legge nella nota - a decorrere dal 2 agosto, pare che dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ci siano intendimenti diversi che prevedono l’arrivo di tali unità nel mese di settembre”.

“Se fossero queste le determinazioni dipartimentali non solo si verificherebbe che le sedi del nord – notoriamente in esubero – si gioverebbero anche di queste unità durante il periodo estivo ma si vanificherebbero le aspettative del personale in servizio nelle sedi Calabresi che con difficoltà fruirebbero del tanto atteso turno di ferie. Di certo l’Istituto più grande della Calabria non potrà garantire a tutto il personale di Polizia penitenziaria il diritto alle ferie nel mese di Agosto”. Esordisce così il Segretario Regionale della UilPAPoliziaPenitenziaria Paradiso Salvatore.

“Già le prime avvisaglie – aggiunge - si sono verificate in questo mese di luglio in cui molti appartenenti al Corpo hanno dovuto rinunciare al turno di ferie assegnatogli non solo per la acclarata carenza di risorse ma anche per altri fattori, quali il numero di piantonamenti presi in carico da altri istituti.”

 “Se le unità così tanto pubblicizzate sui mass media non arrivassero i primi di agosto - prosegue ancora - il più grande Istituto della Calabria si vedrà giocoforza costretto, per l’impossibilità dei numeri, a penalizzare ulteriormente coloro i quali avevano già programmato il proprio tempo libero con le famiglie nel mese di agosto. Nondimeno, a complicare ulteriormente le cose, si aggiunge una bizzarra disposizione del Provveditorato che - unica in Italia - prevede l’utilizzo del personale del Nucleo Traduzione e Piantonamenti dal 15 agosto al 15 settembre quando nei Tribunali la sospensione dei processi decorre dal 1° Agosto al 31 Agosto. Se fosse confermato l’intendimento del DAP, al fine di tutelare il personale di Polizia Penitenziaria, la UilPAPoliziaPenitenziaria proclama sin da subito lo stato di agitazione e dai primi giorni del mese del sol leone, qualora non ci fosse l’incremento, si inizierà con l’astensione dalla mensa da parte dei lavoratori”. Si auspica, conclude il segretario regionale “che non venga ignorato il dramma dei lavoratori perché non si può vivere di sola emergenza. In una situazione del genere, in cui la tranquillità ed il diritto viene a mancare, appare persino lapalissiano che tale problematica si ripercuoterà sulla quotidianità della vita all’interno dell’Istituto Penitenziario. Se non fosse che gli Istituti Penitenziari devono necessariamente rimanere aperti si potrebbe affermare che in Calabria gli Istituti sono costretti a rimanere aperti per ferie… non date”.