Pregare e non mormorare

Scritto da  Pubblicato in Maria Arcieri

maria_arcieri.jpgCon il caldo magari sarebbe preferibile, non mormorare mai. 

Si consumano energie utili e non serve a nulla se non a ripetere sempre le stesse cose su situazioni e persone. 

Quindi siccome anche nelle chiese succede che ci si trova con la vicina di banco che, per non annoiarsi, preferisce bisbigliare nell’orecchio dell’amica, e iniziare a mormorare, sarebbe preferibile almeno in queste giornate di caldo optare per la preghiera e non per la mormorazione. 

È più utile, serve a se stessi e ai vicini di banco, e a lungo andare è sempre la stessa litania di mormorazione verso tutto e tutti. 

Anche se ormai con le zitelle e le single anche uomini sposati, separati e in carriera si sono avviati alla mormorazione degli altri. Il golf non piace proprio a nessuno?

© RIPRODUZIONE RISERVATA