La bestialità umana non ha limiti

Scritto da  Pubblicato in Maria Arcieri

maria_arcieri.jpg

Come si può far del male a una ragazza che ha problemi psicologici e che è la figlia della convivente?. Il capo di imputazione è: reati di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale aggravata nei confronti della figlia della donna, affetta sin dalla nascita da ritardo mentale grave.

Ho pensato per giorni a scrivere questo blog e sinceramente sono stata combattuta tra il dire il mio vero pensiero (lo ometto) e scrivere che necessita di cure il tipo che ha abusato della giovane con la compagna e che ha permesso che ciò avvenisse. Versione questa più buonista ma che non rispecchia affatto il mio pensiero, ma forse quello di molti. Infatti il mio attacco doveva essere, visto che sono contraria alle pene eccessive da scontare, una miscela di parole che portano rispetto alla mia professione..ma poi, davanti al pc bianco che mi guardava e le immagini delle scene raccapriccianti di quello che ha potuto subire questa donna, le mie dita si sono collegate al mio cuore e dopo aver cercato di fare la professionista distaccata dai fatti non ce l'ho fatta.

Beh questo è il massimo della distanza che ho potuto mettere dopo aver letto una bruttura disumana di questa portata…troppo vicina a un girone dell’inferno con sfumature alle De Sade…. e che ti fa pensare che solo una sottospecie di persona abbia potuto avere questa brutalità nei confronti di una donna che già la vita ha messo a dura prova. Sono certa che la magistratura farà il suo dovere, ma la vita delle volte supera la crudeltà dei libri horror! In realtà sono contraria alla pene che infliggono in altri paesi del continente, ma davanti a questi episodi devastanti, che pensi di guardare solo in Criminal Minds, e anche lì ti scatta un moto di rabbia incredibile, questa è l’unica soluzione.

Sentire la crudeltà sulla propria pelle potrà debellare un fenomeno sempre crescente nelle famiglie dove l’uomo diventa bestia e gli altri devono subire prima di poter vedere la luce della speranza… magari per sempre! Ma perché prima devi vivere nell’oscurità dei mostri?

© RIPRODUZIONE RISERVATA