Le università del sud penalizzate

Scritto da  Pubblicato in Filippo Veltri

Filippo_Veltri_9b235_b3c2d_da267_228af.jpg

 Un altro scippo al Sud senza che ci sia una sollevazione generale. Sentite un po' questa che fa il paio con il noto problema dell’autonomia delle regioni del Nord, già al centro delle attenzioni.Dunque: alle università italiane viene assegnata ogni anno una dotazione di punti organico (PO), che consente in qualche misura di rimpiazzare i pensionamenti con le nuove assunzioni (sempre tramite concorsi). I PO valgono 1,0 per professori ordinari, 0,7 per professori associati, 0,5 per ricercatori. Così, per esempio, se in un Ateneo vanno in pensione 5 professori ordinari, l’Ateneo disporrà teoricamente per l’anno successivo di una quota di 5,0 PO, che potrà utilizzare secondo regole di crescita interna e con meccanismi di bilanciamento complicati che non sto qui a descriverti.Senonché, circa 8 anni fa iniziò una forte penalizzazione degli atenei, tale da portare a una situazione in cui la restituzione dei pensionamenti fu dapprima pari a zero, quindi via via è cresciuta fino ad arrivare da quest’anno a uno, cioè alla restituzione completa dei punti dei pensionati. Già così la cosa è grave, in quanto non si recupera ciò che si è perso negli anni di grande restrizione e, inoltre, viene difficile fare progetti di crescita.

Ma l’imbroglio vero è un altro ed è che la quota di restituzione è stata considerata su base nazionale e non locale: se nelle Università italiane vanno in pensione in un anno 100 PO e la quota di restituzione è 0,80, vengono restituiti alle università 80 PO nel complesso, ma a qualcuna va di più e ad altre va di meno. Il parametro che determina a chi va di più e a chi va di meno è meritocratico solo sotto il profilo del rapporto incassi/spese e le università del Nord – per via delle donazioni e delle tasse alte fatte pagare – hanno sempre avuto più di quanto loro spettava come ritorno diretto. Quest’anno, ancora peggio, c’è l’aggravante del cosiddetto annullamento della “quota di salvaguardia”, che fissava un tetto minimo al rientro oltre il 100%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA