"Le cose che non ci diciamo"...da leggere

Scritto da  Pubblicato in Maria Arcieri

maria_arcieri_d23ae_3802d_63ae8_c7abf_6cf7d_0f295_41338_e9bd8_d1e69_33fc3_028db_fcc1c_f44b8_0f3c1_26a9d_145eb_52b3f_ea9f2_3f28e_20d3b_160f8_842c3_913e7_494d6_8b044_a4860_81582_9efd2_c1731_ad7c8_0f542_c545d_86e97_48a79_60_8cd33.jpg“E’ solo recuperando lo spirito migliore che da nord a sud abbiamo dimostrato nelle dure settimane di autoreclusione che possiamo affrontare una volta per tutte le nostre lacune per tornare ad avere fiducia nel domani, autentico propellente per una forte ripresa nazionale. “Dalla crescita del debito pubblico al consenso nel dibattito pubblico nel nostro paese. Con uno stile elegante, dettagliato e puntuale, l'ex direttore del Corriere della Sera, Ferruccio De Bortoli in “Le cose che non ci diciamo (fino in fondo)", affronta temi attuali e interessanti, mai banale e sempre giornalisticamente ineccepibile nel descrivere il quadro storico del paese.

Sottolinea le storture e i pericoli che troppo spesso vengono sottaciuti in Italia. Dal dato che spendiamo più di quanto dovremmo, senza preoccuparci della crescita del debito pubblico. E che non possiamo vivere di sussidi statali senza creare reddito. E’ che è illusorio voler difendere l'occupazione finanziando con i soldi dei contribuenti aziende senza futuro. Punta il dito con abilità stilistica alla crescita del capitale umano che viene trascurata. Alla cultura scientifica che è poco diffusa, e intanto dilaga un antieuropeismo populista privo di solide ragioni economiche. Affronta tematiche troppo trascurate negli ultimi tempi. Dalla disoccupazione, alla cultura che viene messa in secondo piano. E che si potrebbe migliorare la situazione, unendo le forze da nord a sud per tornare ad avere fiducia nel futuro. Per l’editorialista, potrebbe essere uno strumento di cambiamento per tornare ad avere più fiducia nel futuro.

 Ferruccio de Bortoli, è stato direttore del «Corriere della Sera» e del «Sole 24 Ore», amministratore delegato di rcs Libri e presidente di Flammarion. È editorialista del «Corriere della Sera» e, in Svizzera, del «Corriere del Ticino». Dal 2015 è presidente della casa editrice Longanesi e dell'associazione Vidas.

© RIPRODUZIONE RISERVATA