Siamo tutti...

Scritto da  Pubblicato in Maria Arcieri

maria_arcieri_d23ae_3802d_63ae8_c7abf_6cf7d_0f295_41338_e9bd8_d1e69_33fc3_028db_fcc1c_f44b8_0f3c1_26a9d_145eb_52b3f_ea9f2_3f28e_20d3b.jpgChi di noi non ha fobie oggi. Tutti. Diverse, ma fobie, fissazioni paranoie mentali. C’è un telefilm che ha come protagonista un detective che le rappresenta benissimo. Detective Monk, sono 125 episodi , la serie ha ricevuto innumerevoli premi ed è uno degli show televisivi americani più visti di sempre. Detective Monk è una serie TV originale e rilassante. Il personaggio è interpretato dall attore Andy Breckman , sembrerebbe esagerato per il numero e il tipo di paure di cui soffre, ma è un mix unico di intelligenza, intuizione e fobie. Un telefilm in bilico tra ironia e dramma.

E’stato girato fino al 2009, è un Adrian Monk sempre sfuggente, ironico con  intuizioni geniali e un rapporto con la vita disturbato per un disturbo ossessivo-compulsivo. La morte della moglie Trudy, che lo ha portato a vivere  tre anni di isolamento  e solo dopo questo momento e rientrato a collaborare con la polizia, anche per poter riscoprire la verità sul destino della  sua amata.  Ha vinto tre Emmy Award. E ha conquistato tutti coloro che hanno paure, ansie che scappano dal loro psichiatra  e seguono il loro psicoterapeuta. Il protagonista ne ha due, ma solo perché il primo è morto. E’ particolare quando cammina, quando usa una moltitudine di fazzoletti di carta, quando non vuole il contatto fisico nel saluto con le persone, quando ha il terrore del dentista e quando vive e mangia sempre le stesse cose con una ripetitività ossessionata e ossessionante. Ma ha il fascino della genialità dell intelligenza che ti fa dimenticare tutti i problemi della vita per quaranta minuti. E sorridi perché in parte ti rivedi o rivedi gli altri…

© RIPRODUZIONE RISERVATA