francesco_vescio-ok_75462_b6c81_0f215_b408a.jpgL’ultimo periodo della dominazione spagnola in Calabria segnò un momento particolarmente critico sia dal punto di vista del regresso economico sia dall’aggravarsi delle diseguaglianze sociali che portarono a conflitti particolarmente accentuati per

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgNel V secolo si verificò un evento di fondamentale importanza non solo per l’Italia, ma per l’intera Europa e l’Africa settentrionale: la fine dell’Impero Romano d’Occidente e il contemporaneo affermarsi dei Regni romano-barbarici. Numerosi popoli

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgLa Città pitagorica può essere ritenuta uno dei luoghi più importante menzionati nell’opera latina, nota come Satyricon, scritta parte in prosa e parte in poesia; l’autore secondo la maggior parte degli studiosi sarebbe Petronio Arbitro

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgL’imperatore Augusto organizzò l’Italia in undici regioni, la terza di questi fu designata come: Lucania et Bruttii (Lucania e Bruzio); la denominazione Bruzio dell’attuale Calabria perdurò nell’età tardo-antica ed il mutamento di nome si ebbe

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgLa popolazione del Bruzio, l’odierna Calabria, nel primo secolo a.C., era molto composita dal punto di vista etnico, infatti vi abitavano i Bruzi, i discendenti degli Italioti (=coloni ellenici), gli assegnatari  delle colonie latine e romane

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgDopo la Guerra sociale il Bruzio fu parte integrante della Federazione italica e gli abitanti godevano degli  stessi diritti ed erano soggetti agli stessi obblighi di tutti gli altri “socii” di Roma; non vi erano particolari motivi di tensione

Pubblicato in Francesco Vescio