francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b_efd06_cf25d_61a3f_f5055_fa53c.jpgNel presente scritto si cercherà di delineare, in modo sintetico, uno dei momenti più significativi della storia calabrese dell’Ottocento,  esaminata nella sua specificità, pur se considerata nel contesto dinamico  dei mutamenti 

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b_efd06_cf25d.jpgNel Settecento la Calabria fu dominata dalla Spagna come parte del Vicereame di Napoli fino al 1707, in quell’anno subentrò il predominio austriaco fino al 1734, anno in cui Carlo III di Borbone divenne re dopo la conquista armata del Vicereame, che

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b.jpgIl Settecento è caratterizzato nella storiografia occidentale come il secolo dei Lumi; tale denominazione  ha inteso ed intende evidenziare la grande rilevanza storica che l’uso della ragione ha assunto per l’umanità in quanto facoltà

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio-ok_48ed3_35907.jpgIl Settecento in Europa fu un secolo importantissimo per le forte spinte verso le riforme politiche, giuridiche, istituzionali che impegnarono alcuni sovrani, una parte considerevole dei ceti borghesi e nuclei consistenti della nobiltà più

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio-ok_75462_b6c81_0f215_b408a.jpgL’ultimo periodo della dominazione spagnola in Calabria segnò un momento particolarmente critico sia dal punto di vista del regresso economico sia dall’aggravarsi delle diseguaglianze sociali che portarono a conflitti particolarmente accentuati per

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgNel V secolo si verificò un evento di fondamentale importanza non solo per l’Italia, ma per l’intera Europa e l’Africa settentrionale: la fine dell’Impero Romano d’Occidente e il contemporaneo affermarsi dei Regni romano-barbarici. Numerosi popoli

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgLa Città pitagorica può essere ritenuta uno dei luoghi più importante menzionati nell’opera latina, nota come Satyricon, scritta parte in prosa e parte in poesia; l’autore secondo la maggior parte degli studiosi sarebbe Petronio Arbitro

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgL’imperatore Augusto organizzò l’Italia in undici regioni, la terza di questi fu designata come: Lucania et Bruttii (Lucania e Bruzio); la denominazione Bruzio dell’attuale Calabria perdurò nell’età tardo-antica ed il mutamento di nome si ebbe

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgLa popolazione del Bruzio, l’odierna Calabria, nel primo secolo a.C., era molto composita dal punto di vista etnico, infatti vi abitavano i Bruzi, i discendenti degli Italioti (=coloni ellenici), gli assegnatari  delle colonie latine e romane

Pubblicato in Francesco Vescio

francesco_vescio.jpgDopo la Guerra sociale il Bruzio fu parte integrante della Federazione italica e gli abitanti godevano degli  stessi diritti ed erano soggetti agli stessi obblighi di tutti gli altri “socii” di Roma; non vi erano particolari motivi di tensione

Pubblicato in Francesco Vescio