Francesco Vescio

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b_efd06_cf25d_61a3f_f5055.jpgAgli inizi dell’Ottocento la geografia politica dell’Europa fu sconvolta completamente dalle imprese napoleoniche: cambiarono dinastie, si formarono nuovi Stati in seguito ad alleanze, battaglie, armistizi che si susseguivano gli uni agli altri

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b_efd06_cf25d_61a3f.jpg

 La fine della Repubblica Partenopea (giugno del 1799), grazie soprattutto alle milizie sanfediste assoldate e guidate dal cardinale Ruffo, formate all’inizio principalmente da calabresi, permise il ritorno della corte borbonica da Palermo a

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b_efd06_cf25d.jpgNel Settecento la Calabria fu dominata dalla Spagna come parte del Vicereame di Napoli fino al 1707, in quell’anno subentrò il predominio austriaco fino al 1734, anno in cui Carlo III di Borbone divenne re dopo la conquista armata del Vicereame, che

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b_efd06.jpgLa letteratura calabrese nel corso del XVIII secolo non solo si è svolta in stretta aderenza al clima culturale nazionale, dando dei contributi rilevanti al dibattito artistico ed estetico del tempo, ma in qualche caso ne ha anticipato alcuni

L’Illuminismo nella Calabria del Settecento

Martedì, 21 Aprile 2020 13:25 Scritto da

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4_c645b.jpgIl Settecento è caratterizzato nella storiografia occidentale come il secolo dei Lumi; tale denominazione  ha inteso ed intende evidenziare la grande rilevanza storica che l’uso della ragione ha assunto per l’umanità in quanto facoltà

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018_736f4.jpg

 La Calabria nel XVIII secolo mantenne una struttura economica e sociale sostanzialmente simile a quella dei secoli precedenti: nella società, infatti,  continuò la prevalenza del dominio feudale laico ed ecclesiastico, per quanto

francesco_vescio-ok_48ed3-1_c2018.jpg

 Nel Settecento la Calabria fu devastata da varie calamità che possono essere considerate dei veri e propri flagelli naturali che colpirono la popolazione con terribile violenza: alluvioni, periodi di siccità, gelo e terremoti. Nel presente

francesco_vescio-ok_48ed3-1.jpg

 Il secolo XVIII in Europa  è considerato, quasi per antonomasia, il secolo delle riforme; nel presente scritto si cercherà di delineare negli aspetti più rilevanti i vari tentativi di riforme effettuate dal re Ferdinando IV di Borbone

francesco_vescio-ok_48ed3_35907.jpgIl Settecento in Europa fu un secolo importantissimo per le forte spinte verso le riforme politiche, giuridiche, istituzionali che impegnarono alcuni sovrani, una parte considerevole dei ceti borghesi e nuclei consistenti della nobiltà più

francesco_vescio-ok_48ed3.jpgNel terzo decennio del Settecento una nuova dinastia, quella borbonica, conquistò l’Italia meridionale continentale scacciando quella asburgica e nello stesso tempo istaurò un regno autonomo; in questo scritto si faranno dei cenni agli avvenimenti