Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua

L’anima della montagna e della terra

Lunedì, 12 Febbraio 2018 08:55 Scritto da

bevilacqua_foto_blog_nuova.jpgSento gli alberi, e i loro pensieri. Avverto la montagna, e la sua commozione. Osservo la valle, e le sue lacrime. Sono creature animate. Persone. Compagni di viaggio. Se io sono il soggetto, loro lo sono in egual misura. L’impresa biotica sulla

Storia di muschi e ginepri. E di una giornata tumultuosa

Mercoledì, 07 Febbraio 2018 07:52 Scritto da

bevilacqua_foto_blog_nuova.jpg

 Osservo, nell'incavo della mano, una piccola, delicata zolla di muschio. E' così soffice, umida, vellutata! Provo una tenerezza struggente. Scalzata dal mio scarpone in un anfratto fra i grigi sassi di Timpa di Cassano. Raccolta

Viaggio nel cuore del mondo

Mercoledì, 31 Gennaio 2018 08:52 Scritto da

bevilacqua_fotoblog.jpgBenedici il mio cammino, oh amata. Beneditelo, amici. Perché voi sapete quanto conti per me. E’ col cammino che riscatterò, oggi, un’intera settimana. Una lunga, interminabile settimana di lavoro, che ha interamente sequestrato il mio tempo

francesco_bevilacqua-01162018-131824.jpgHo ancora indosso i vestiti dell’erranza di oggi. Ho acceso il camino, mangiato qualcosa, bevuto del vino. Provo un leggero ottundimento. Come una droga buona. Guardo i ceppi e il fuoco, nella luce del crepuscolo che indugia sull’Anello di Querce

francesco_bevilacqua-01082018-093142.jpgMonte Rossia, Serra Grande, Monte Rossino non ci sono più, uccisi da un male incurabile: l’uomo. Comune di Lauria, Basilicata. Appena sopra la frazione di Melara. Al confine con il comune di Tortora, Calabria. A brevissima distanza dal Parco

Lista dei doni ricevuti

Mercoledì, 03 Gennaio 2018 10:36 Scritto da

francesco_bevilacqua-01032018-103552.jpgUn’erranza su Monte Perre, in Aspromonte. Dolenzia alla caviglia. Un cammino breve sul Monte Reventino. Mal di schiena. Preghiere nel tempio della natura. Tre cefalee. Momenti di solitudine e riflessione. Lavoro supplementare. Sogni particolarmente

Con la forza della memoria. E della commozione

Mercoledì, 27 Dicembre 2017 07:41 Scritto da

francesco_bevilacqua-12272017-074408.jpgCi sono momenti dell’anno in cui si raggrumano tutte le ansie. Mi terrorizzano le feste, i pranzi, le cene, le fabbriche dell’allegria coatta. Mi spaventa il vitalismo di chi scambia la fine dell’anno per la fine del mondo. Temo l’arrivo dei regali

Lettera di una rovina al prof. Settis

Martedì, 19 Dicembre 2017 09:01 Scritto da

francesco_bevilacqua-12192017-090049.jpgCaro Salvatore, mi scuserai se ti do del tu. Ma ho mille anni di vita, e per me sei come un figlio. Ti ho atteso tanto: finalmente sei tornato! Si, lo so che non eri mai venuto qui, in questo luogo preciso. So, però, che sei stato al capezzale di

Alieni d'occidente

Lunedì, 11 Dicembre 2017 09:16 Scritto da

francesco_bevilacqua-12112017-091613.jpgIl giorno dell’Immacolata seguo il percorso di un gregge di capre sul Monte Reventino. In vista della conca di San Mazzeo e, oltre, del Monte Mancuso. Noto, dai segni nel fango, nella neve, che ci sono anche i piccoli. Fatti nascere in massa in

Prima neve sulla Taiga

Lunedì, 04 Dicembre 2017 09:52 Scritto da

francesco_bevilacqua-12042017-105502.jpgCi vuole silenzio, e buio, e un fuoco nel camino, per riprendere il filo interrotto di un racconto, stasera. Non è facile usare le parole. Nel miscuglio di voci e rumori che ci circonda, la parola non parla più, non dice, non narra. La gente non