Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258_59f1c_e96f0_cec4f_df014_db513_eb6b5.jpgCi sono voluti più di trent’anni, per rispondere ad un richiamo. Una lenta, inesorabile opera di seduzione. Ogni volta che le ero di fronte, dal lato opposto della valle, ella mi osservava. Ed io ricambiavo, teneramente. Come un innamorato. La sua

Timpa del pino di Michele: il cosmo intelligente

Lunedì, 06 Gennaio 2020 13:24 Scritto da

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258_59f1c_e96f0_cec4f_df014_db513.jpgOsservo le pendici con i faggi color rame che scendono verso la gola dello Stiavucca. Verdi colate di pino nero contendono la scena al faggio. Timpone Pallone, Manfriana, Timpa del Pino di Michele e Dolcedorme sono coperti da una massa di nubi scure

I titani di Cellia, Eros e il rito di espiazione

Mercoledì, 18 Dicembre 2019 09:27 Scritto da

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258_59f1c_e96f0_cec4f_df014.jpg

 “Dunque in principio fu il Caos; poi subito Gea dall’ampio seno, per sempre sicura dimora di tutti gli immortali che possiedono la vetta dell’Olimpo nevoso, e il Tartaro tenebroso negli abissi della terra dagli ampi cammini, quindi Eros, il

Timpa del Pino di Michele: Il cosmo intelligente

Martedì, 10 Dicembre 2019 09:33 Scritto da

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258_59f1c_e96f0_cec4f.jpgOsservo le pendici con i faggi color rame che scendono verso la gola dello Stiavucca. Verdi colate di pino nero contendono la scena al faggio. Timpone Pallone, Manfriana, Timpa del Pino di Michele e Dolcedorme sono coperti da una massa di nubi scure

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258_59f1c_e96f0.jpg

Profumo d’Aspromonte: resina ed erbe selvatiche, frammisto al sentore delle capre. Dolce e acre nello stesso tempo. E’ solo qui, e in nessun altro posto. Entra nelle nari, attraversa i polmoni, muta il sangue, ricompone ricordi nella psiche. E’

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258_59f1c.jpg

Cos’è il vento? Rispondo come Agostino d’Ippona quando gli chiesero del tempo: “se me lo chiedi lo so, se mi chiedi di spiegarlo non lo so più”. Si, potrei parlarti di alta e bassa pressione, di isobare, di scambio di masse d’aria… Ma non ti avrei

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973_ea258.jpgCento miliardi di galassie nell’Universo! Con cento miliardi di stelle per ciascuna di esse. E insieme alle stelle un’infinità di pianeti. Tanto ipotizza la moderna astrofisica. E tutto questo si sarebbe prodotto improvvisamente, 13,8 miliardi di

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1_19973.jpgNon ricordo, in trentanove anni di volontariato ambientalista, un amministratore pubblico che abbia rinunciato volontariamente a realizzare un’opera contestata. La centrale al carbone di Gioia Tauro, il ponte sullo stretto, le strade nelle valli del

Rupi di Lanzicello. Il campanile sul diadema d’argento

Mercoledì, 02 Ottobre 2019 08:05 Scritto da

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova_80da1.jpgPolvere gialla di licheni sulla grigia roccia calcarea. Uscita da ferite stillanti umori. Altra polvere, questa volta rossa. Verdi muschi su protuberanze e fenditure. Felci, arbusti, foglie, erba. Un arazzo nel bosco di lecci, aceri, carpini

francesco-bevilacqua-foto-blog-nuova.jpg“L’abbraccio di un amante”, “un serpente che s’avvinghia alla vittima”: sostiamo estasiati dinanzi al sottile faggio che avvolge a spirale un pino laricio, su Serra Crista. Pensieri antropomorfi: come umani attribuiamo alla natura comportamenti che