Francesco Vescio

E Spartaco combattè contro Roma nel… Bruzio

Martedì, 12 Agosto 2014 08:18 Scritto da

francesco_vescio.jpgDopo la Guerra sociale il Bruzio fu parte integrante della Federazione italica e gli abitanti godevano degli  stessi diritti ed erano soggetti agli stessi obblighi di tutti gli altri “socii” di Roma; non vi erano particolari motivi di tensione

francesco_vescio.jpgAll’inizio del I secolo a.C. il dominio di Roma in Italia fu messo a dura prova dalla rivolta di numerosi popoli italici, i quali inizialmente miravano ad ottenere la cittadinanza, ma poi tendevano a conseguire l’ indipendenza; questo conflitto si

francesco_vescio.jpgNel corso del II secolo a.C. e nei primi decenni del primo tutta la regione fu sotto il dominio di Roma; ma lo status giuridico degli abitanti era assolutamente differenziato: quelli di Reggio erano confederati, per il motivo che non avevano mai

francesco_vescio.jpg

Alla fine del III secolo a.C. i Romani sottoposero i Bruzi, che si erano schierati prevalentemente con Annibale durante la Seconda Guerra Punica, a condizioni particolarmente oppressive; ma anche altri gruppi etnici della Regione a causa del lungo

francesco_vescio.jpgLa Prima guerra punica (264 – 241 a.C.) si concluse con la netta vittoria di Roma e Cartagine fu costretta ad una pace onerosa, ma non insostenibile per una grande potenza politica, militare e commerciale quale essa era: “Cartagine rinunziava in

francesco_vescio.jpgNella prima metà del III secolo a.C. Roma e Cartagine, alleate da secoli tramite trattati rinnovati più volte, vennero a trovarsi una di fronte all’altra sulle rive dello Stretto di Messina, la prima con il dominio su Reggio, sebbene questa fosse

francesco_vescio.jpg

In seguito alla sconfitta di Pirro a Benevento (275 a. C.) e al suo ritiro dall’Italia il dominio romano nel Mezzogiorno continentale si estese all’intero territorio peninsulare compreso il Bruzio, l’attuale Calabria; ci furono diverse sacche di

francesco_vescio.jpg

La vittoria dei Romani a Benevento nel 275 a.C. contro Pirro, re dell’Epiro, il quale, anche a causa di problemi sorti nel suo Paese, rientrò subito dopo in patria, diede inizio, di fatto, al dominio  di Roma nella Magna Grecia e, di

francesco_vescio.jpgTra la fine del IV secolo a.C. e i primi decenni del III mutò profondamente l’assetto politico ed istituzionale dell’intera regione, in quanto si affermò, di fatto, il dominio politico e militare di Roma, anche se, formalmente, le varie entità

francesco_vescio.jpgTra la fine del IV secolo a.C. e l’inizio del successivo nella regione vi furono numerosi conflitti tra i Bruzi (Bruttii in latino e Brettioi in greco) e gli abitanti delle pòleis (città – stato) elleniche;  la lunga durata del conflitto finì